venerdì 9 giugno 2017

Metafore

Dunque, vediamo un po'. Mettiamo al lavoro la fantasia e facciamo alcune ipotesi.

Mettiamo che io, a casa mia, abbia imparato come scassinare una serratura. Non è certo un reato, si tratta di roba mia e ci posso fare quello che mi pare.

Mettiamo che, a questo punto, io decida di insegnare (a pagamento) come si scassinano certe serrature. Già in questo caso non sarei così sicuro di non essere colpevole di qualche reato (in Italia). Anche se mi cautelassi facendo firmare "col sangue" agli iscritti al corso una dichiarazione che non useranno le tecniche apprese per commettere nessun reato (in Italia), né le useranno comunque a danno di vittime ignare, non so se sarei nel giusto. Sospetto di no, ma non sono uno specialista e lascio alla coscienza e alle eventuali conoscenze dei miei lettori la conclusione.

Mettiamo infine che, per cercare di guadagnare di più dalla mia attività "didattica", io decida di fare pubblicità (a pagamento) al mio corso (in Italia). Che rischi correrebbe chi accettasse di pubblicare la mia pubblicità? A prescindere da eventuali conseguenze legali, che nel dettaglio non so valutare, né mi interessa farlo, penso che un comune cittadino potrebbe segnalare la situazione alle Autorità, affinché facessero emergere eventuali responsabilità e mettessero fine "sul nascere" ad attività potenzialmente criminose. Credo inoltre che tale situazione andrebbe segnalata anche a chi (incautamente?) avesse accettato questa pubblicità, se non altro per difendere il buon nome dell'Agenzia / Azienda di pubblicità in questione, visto che si tratterebbe di guadagnarci qualche soldo, e in caso di reati la complicità sarebbe dietro l'angolo.

Fin qui, credo di aver detto cose abbastanza ovvie. Adesso facciamo un esercizio, sempre con la fantasia. Immaginiamo che al posto dell'abilità di "scassinare una serratura" ci sia l'abilità di fare "intrusione in un sistema informatico". A mio parere si potrebbero ripetere gli stessi ragionamenti fatti sopra. E a quanto pare anche il Legislatore italiano la pensa allo stesso modo, tanto che esiste un unico Articolo del Codice Penale (il 615) che punisce sia l'intrusione in abitazioni o ambiti privati (violazione di domicilio), sia (al paragrafo "ter") l'intrusione nei sistemi informatici.

Non ho altro da aggiungere, Vostro Onore.

Nessun commento:

Posta un commento